La saggezza del CRA a Barcellona P.G.

mod 3477La giornata di giovedì 17 ottobre per la sezione di Barcellona Pozzo di Gotto può essere annoverata di diritto tra le più importanti della stagione sportiva appena cominciata, grazie alla significativa e piacevolissima visita del Presidente CRA Sicilia Giuseppe Raciti.

Per questo evento, dopo nemmeno una settimana dal raduno OTS che ha sancito l’apertura della stagione 2013/14, i locali sezionali di via Carducci 76 si sono nuovamente riempiti di arbitri giovani e meno giovani, tutti accorsi per ascoltare le parole di colui che è il massimo punto di riferimento a livello regionale.

Intorno ad un’importante cornice di pubblico, il nostro Presidente sezionale Francesco D’Anna dava inizio alla riunione tecnica con i saluti di rito, non dimenticando di sottolineare l’importanza dell’attività svolta da ciascuno dei componenti del direttivo regionale, i cui obiettivi principali sono la crescita e la formazione dei giovani arbitri che settimanalmente dirigono gare dall’eccellenza alla seconda categoria.

mod 4Dopo Francesco D’Anna è intervenuto Orazio Postorino, Componente Regionale addetto al Monitoraggio degli Incidenti, venuto in visita alla sezione con il Presidente Raciti. Il collega messinese ha sottolineato nel suo discorso l’importanza della segnalazione di un eventuale incidente in maniera tempestiva e quanto più minuziosamente dettagliata e corretta, al fine di adottare le giuste misure nelle sedi opportune. La figura che riveste il componente Postorino dimostra la sempre maggiore attenzione che il Comitato Regionale, e non solo, sta ponendo nei confronti dei riprovevoli episodi di violenza che ingiustamente subiscono i fischietti arbitrali quasi ogni domenica di campionato.

Dopo l’incisivo intervento di Orazio Postorino, l’attenzione dell’uditorio è stata tutta per il Presidente Raciti, che ha aperto il proprio intervento mettendo in primo piano il ruolo delle sezioni arbitrali, vere e proprie fucine di talenti in cui comincia il percorso di formazione di ragazzi ancora quindicenni, processo indispensabile per poter garantire l’affermazione in campo regionale e nazionale degli stessi. Il Presidente, infatti, ha evidenziato che “affinchè in una piramide ci sia il vertice, occorre una base che lo sostenga”, sottolineando che proprio i vertici nazionali del mondo arbitrale si sono incredibilmente avvicinati a tutte le 211 sezioni sparse sull’intera penisola, inviando annualmente in visita almeno un rappresentante in ciascuna di esse.

Il massimo componente regionale ha inoltre ricordato l’incredibile lavoro svolto dal CRA Sicilia che, dal 31 agosto all’8 settembre, ha riunito i 535 arbitri appartenenti all’Organo Tecnico Regionale nel raduno pre-campionato, al quale per la prima volta nella storia della nostra regione ha partecipato l’eccellenza della classe arbitrale siciliana. Sottolineando l’encomiabile lavoro svolto in questa occasione, l’ex direttore di gara acese ha ribadito la continuità con le linee guida del suo predecessore Rosario D’Anna.mod 3493

Dopo le preziose parole del Presidente Raciti la riunione si è conclusa in maniera piacevole con la visione di un video che raffigurava alcuni simpatici momenti del raduno pre-campionato della settimana precedente e con i festeggiamenti in onore di Massimiliano Pancaldo Trifirò e Carmelo De Pasquale. I due colleghi, avendo conseguito la promozione rispettivamente alla C.A.N. PRO e alla C.A.N. D, hanno voluto festeggiare questo traguardo importantissimo con tutti gli altri appartenenti alla famiglia dell’AIA.

Allietata da dolci e spumante si è così conclusa una delle serate più piacevoli e formative della stagione appena avviata, resa speciale dal messaggio che “Pippo” Raciti ha voluto lasciare ai colleghi di Barcellona. E’ vero infatti che, a dirla con Gianni Brera, l’arbitro è “un po’ magistrato e un po’ sacerdote”, ma è altrettanto vero che, come ha sottolineato il Presidente, per essere grandi fischietti arbitrali bisogna innanzi tutto essere grandi uomini.

a.e. Salvatore Recupero

I Commenti sono chiusi

Cerca
Bookmarks